22 novembre 2015

0

Il nuovo nelle dipendenze: non solo sostanze

L’ Ambulatorio GAP e per le Altre Dipendenze

Comportamentali: L’esperienza dell’asl Napoli 2 Nord

Giorgio Di Lauro°, Melania Di Marino*, Anna Grazia Mautone^, Fausta Nasti*, Isabella Francesca Parascandolo*, Maria Vassallo§ Serena Di Lauro
°Direttore Dipartimento Dipendenze Patologiche Asl Napoli 2 Nord
*Psicologa Ambulatorio “GAP e altre Dipendenze Comportamentali”
^Psicoterapeuta Ambulatorio “GAP e altre Dipendenze Comportamentali”
§Sociologa Ambulatorio “GAP e altre Dipendenze Comportamentali”

Riassunto

L’articolo vuole rappresentare l’esperienza di un ambulatorio dedicato alla diagnosi, cura e riabilitazione dei soggetti affetti da gioco d’azzardo patologico e altre dipendenze comportamentali.

Tale rappresentazione è stata resa possibile dall’associazione tra caratteristiche sociodemografiche e i punteggi ottenuti con la somministrazione del SOGS (SOUTH OAKS GAMBLING SCREEN).

Premessa

L’Asl Napoli 2 Nord, in particolare il Dipartimento Dipendenze Patologiche, nel settembre 2012, al fine di assicurare piena tutela ai cittadini afferenti al territorio aziendale e regionale ha istituito un Servizio di prevenzione, accoglienza, cura e riabilitazione per Problematiche da Gioco d’Azzardo e altre Dipendenze Comportamentali.

Un ambulatorio specialistico, totalmente gratuito, dove gli utenti in difficoltà ed i loro familiari possono trovare una risposta appropriata alle molteplici domande. Consulenza, sostegno psicologico, psicoterapia, cure mediche, sostegno sociale ed educativo, supporto legale e finanziario, tutoraggio e ricostruzione del debito, informazioni e supporto al disbrigo delle pratiche per accedere all’amministrazione di sostegno, tutto nel rispetto della privacy.

Un equipe composta da una psicoterapeuta, una sociologa, tre psicologhe, due educatori, un consulente psichiatra e due consulenti legali, permette di avere un approccio multidisciplinare ed integrato alla cura del gioco d’azzardo ed altre dipendenze comportamentali.

Analisi dei dati

Dal mese di settembre 2012 al mese di settembre 2015 sono stati presi in carico complessivamente 240 utenti, di cui 203 gamblers e 37 altre dipendenze comportamentali (sex addiction, shopping compulsivo, internet addiction e dipendenze affettive).

È stata effettuata un’analisi su un campione di 167 gamblers ed è emerso il seguente quadro.

Tabella. Distribuzione delle caratteristiche dei soggetti (N=167)

1

La tabella evidenzia una prevalenza di utenti maschi (92.8%), con una età media di 45 anni, per la maggior parte coniugati (65.3%) e con figli (67.7%). Il livello di istruzione è medio basso con un solo soggetto laureato, che potrebbe anche dipendere dal basso livello socio-economico generale dell’area in cui è posto il Servizio. Il livello di occupazione è nella maggior parte dei casi mantenuto (61.1%) con un livello di disoccupazione (27.7%) leggermente superiore al dato medio regionale (21.1%, anno 2015).

Tipologia di gioco

Di seguito vengono riportati i dati relativi al tipo di gioco, alla cifra massima giocata, alle relazioni messe in pericolo dall’attività di gioco e il punteggio totale, ottenuto grazie all’utilizzo dello strumento psicodiagnostico “SOGS” (SOUTH OAKS GAMBLING SCREEN).

Tabella. Distribuzione tipologia di gioco (N=167)

2

3

L’utenza predilige le slot machine (83.8%), con una cifra massima in media giocata di 700 euro. Tuttavia alcuni giocatori riportano di aver effettuato giocate di oltre 10.000 euro.

La tipologia di relazioni messe in pericolo, a causa del Gioco d’Azzardo, sono quelle familiari (56.9%), mentre solo il 7.2% degli assistiti dichiara di non aver compromesso relazioni significative.

Confrontando i dati ottenuti sulla tipologia di gioco con i risultati dell’indagine del Dipartimento Politiche Antidroga- GPS- 2012 riguardanti il gioco inteso come intrattenimento nella popolazione generale adulta (18-64 anni) è possibile evidenziare sostanziali differenze tra gioco patologico e non.

4

Mentre nella popolazione generale l’utilizzo delle slot-machine avviene solo nel 5.1 % dei casi (maschi), nei giocatori patologici del nostro campione questa percentuale sale addirittura al 83.8 %.

Tale dato, così lampante, trova spiegazione attraverso una valutazione neuropsicologica. Il funzionamento neuropsicologico dei giocatori patologici, come già descritto, è simile a quello di soggetti con disturbi da uso di sostanze con una conseguente compromissione dei processi decisionali.

Durante il gioco alle slot-machine le “sfiorate vincite” rafforzano il desiderio di giocare d’azzardo attraverso un coinvolgimento anomalo del circuito della ricompensa, nonostante l’oggettiva mancanza del rinforzo monetario in tali prove, le reazioni delle aree cerebrali sedi dell’apprendimento in corrispondenza di una vittoria o di una quasi – vincita alle slot machine sono pressoché uguali. Ciò sta a significare che la quasi – vincita, cioè quando la bobina si ferma di un solo scatto lontano dalla vincita, produce nei giocatori d’azzardo patologico la medesima attività sul sistema di gratificazione che produce un’effettiva vincita. Il gioco d’azzardo patologico, dunque, è legato alla perseverazione comportamentale allo stimolo (compulsione) e alla diminuita sensibilità a ricompense e punizioni.

Analisi punteggio SOGS

La tabella sottostante evidenzia che il punteggio ottenuto al SOGS è decisamente elevato, con il 50 % dei soggetti con un valore superiore o uguale a 13 e il 25% dei soggetti con un valore superiore o uguale a 15.

Il SOGS viene somministrato nelle primissime fasi di contatto con il Servizio, per tanto è evidente che l’accesso del soggetto avviene in una condizione già fortemente patologica.

Tabella. Distribuzione Punteggio SOGS (N=167)

5

6

E’ stata effettuata inoltre un’analisi per evidenziare eventuali associazioni tra le caratteristiche dei soggetti e i punteggi ottenuti al SOGS.
L’associazione è stata testata utilizzando l’ANOVA e la regressione lineare. Sono stati considerati statisticamente significativi i valori di p inferiore a 0.050.
I risultati di questa analisi, ottenuti mediante l’utilizzo del software SPSS ver.14, sono stati riportati nella tabella e nel successivo grafico sottostante e indicano una associazione significativa tra il punteggio ottenuto al SOGS con il titolo di studio (p = 0.026) e con l’età (p =0.049). In particolare risultano avere punteggi SOGS più elevati i soggetti con titolo di studio più basso e maggiore età.
Non sono state evidenziate altre associazioni statisticamente significative.

Tabella. Distribuzione del punteggio SOGS per principali caratteristiche dei soggetti (N=167)

7

8

I risultati ottenuti sono coerenti con quelli riportati in letteratura, in cui si rileva una associazione tra punteggio ottenuto al SOGS e stato socio economico di cui il titolo di studio può essere considerato proxi.

La correlazione positiva tra età e punteggio al SOGS mostra numerose evidenze in letteratura. Punteggi elevati in soggetti anziani indicherebbero il ricorso al gioco patologico come via di fuga dalla noia e da altri fattori stressanti o ancora rappresentano una evoluzione della patologia stessa.

Conclusioni

Le disposizione legislative introdotte in materia di GAP manifestano la consapevolezza, anche in ambito legislativo, che la dipendenza da gioco d’azzardo è una patologia che necessita di un intervento riabilitativo, che, data la diffusione sociale, non può esulare dalle prestazioni fornite dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

L’Asl Napoli 2 Nord al fine di assicurare piena tutela agli utenti ha costituito un Servizio di Accoglienza, Cura e Riabilitazione per Problematiche da Gioco d’Azzardo (Servizio GAP), nell’ambito del Dipartimento di Dipendenza Patologiche presso i Comuni di Grumo Nevano e di Afragola della provincia di Napoli.

L’area geografica è caratterizzata da un maggiore tasso di disoccupazione e maggiore deprivazione sociale rispetto alla media nazionale. Tale dato dimostra quanto questi fattori di rischio, associati ad una predisposizione culturale al gioco, rendano necessarie maggiori attenzioni con servizi dedicati, oltre che un lavoro di sensibilizzazione rispetto al sommerso.

Bibliografia

  1. ABARBANEL, B. “Impact of virtual atmospherics and functional qualities on the online gambler’s experience”. Behaviour & Information Technology. 34, 10, 1005-1021, Oct. 2015.
  2. BATESON, G. Verso un’ecologia della mente, Adelphi, Milano 1985
  3. CAPITANUCCI D. CARLEVARO T. Guida ragionata agli strumenti diagnostici e terapeutici nel disturbo di gioco d’azzardo patologico. Hans Dubois. Bellinzona, 2004
  4. CARLEVARO T. “La famiglia, la codipendenza, la terapia”. Convegno Gioco d’azzardo e famiglia, Milano 18 aprile 2002
  5. COLETTI M. “L’impatto del gambling compulsivo sulle dinamiche relazionali”, in Il gioco e l’azzardo a cura di M. Croce e R.Zerbetto, Franco Angeli 2001
  6. CROCE M. “Un mondo di numeri e riti”, Famiglia Oggi, 4, 24-31. 2002
  7. DARBYSHIRE P., OSTER C., CARRIG H. “The experience of pervasive loss: children and young people living in a family where parental gambling is a problem”. Journal of Gambling Studies, 17(1), 23-45. 2001
  8. DE LUCA R. “I gruppi per giocatori d’azzardo e le loro famiglie”, in Il gioco e l’azzardo, a cura di M. Croce e R. Zerbetto, Franco Angeli 2001
  9. DE LUCA R. “Gruppi terapeutici per giocatori d’azzardo e familiari: l’esperienza di Campoformido”, in La vita in gioco, a cura di D. Capitanucci e V. Marino, Franco Angeli 2002
  10. DEREVENSKY, J. “Psychosocial variables associated with adolescent gambling”. Psychology of Addictive Behavior, 18(2), 170-179. 2004
  11. DOWLING, NA. “Prevalence of psychiatric co-morbidity in treatment-seeking problem gamblers: A systematic review and meta-analysis”. Australian & New Zealand Journal of Psychiatry. 49, 6, 519-539, June 2015.
  12. GRANT, J. E., KIM S. W. “Gender differences in pathological gamblers seeking medication treatment”. Comprehensive Psychiatry, 43(1), 56-62. 2002
  13. GUERRESCHI C. “Trovare un equilibrio nuovo”, Famiglia Oggi, 4, 32-36. 2002
  14. HARDOON, K., GUPTA, R., HEINEMAN M. “Parents of male compulsive gamblers: clinical issues/treatment approaches”. Journal of Gambling Studies, 5(4),321-333. 1989
  15. HEINEMAN M. “Compulsive gambling: structured family intervention”. Journal of Gambling Studies, 10(1), 67-76. 1994
  16. HUDAK Jr.C. J., VARGHESE R., POLITZER R. “Family, marital and occupational satisfaction for recovering pathological gamblers”. Journal of Gambling Studies, 5(3), 201-210. 1989
  17. JACOBS D.F., MARSTON A.R., SINGER R.D., WIDEMAN K., LITTLE T., VEIZADES J. “Children of problem gamblers”. Journal of gambling Studies, 5(4),261-268. 1989
  18. LAVANCO G. E VARVERI L. “Giocatori d’azzardo, familiari e caregivers: quali interventi?” In Reti d’azzardo a cura di Biganzoli A., Capitanucci D., Smaniotto R., Edizioni And-In-Carta. 2006
  19. LORENZ C. “Some treatment approaches for family members who jeopardize the compulsive gambler’s recovery”. Journal of Gambling Studies, 5(4), 165-178. 1989
  20. LESIEUR, H.R., BLUME, S.B., “When lady luck loses: women and compulsive gambling”. In N. Van Den Bergh, Feminist perspectives on addictions. New York: Springer Publishing Company 1991
  21. MITTONE, L. “Dynamic behaviour in tax evasion: An experimental approach”. Journal of Socio-Economics. 35, 5, 813-835, Oct. 2006.
  22. OLIVA S. “Il privato si muove”, Famiglia Oggi, 4, 49-53. 2002
  23. RYCHTARIK R. G., MCGILLICUDDY N.B. “Preliminary of a coping skills training program for those with pathological-gambling partner”. Journal of Gambling Studies, 22(2), 165-178. 2006
  24. STANTON M. “Gambling problems: relationships and social networks. Introduction”. The Wager, 9(49). Parte2. The Wager, 9(50). Parte 3.The Wager, 9(51). 2004.

Sitografia

http://www.politicheantidroga.it/

http://www.stpauls.it/cisf/document.htm/

http://demo.istat.it/

Lascia un commento