12 luglio 2017

0

VALIDAZIONE DELLA PROCEDURA COMOVAL

VALIDAZIONE DELLA PROCEDURA COMOVAL

applicata alla SCID I/P DSM IV-TR Versione Ricerca (2002)

centrata sull’Approccio Dimensionale

 

Rosanna Peronea, Donatella Pecorib, Michael B. Firstc, Giuseppe Mammanad, Luisa Fossatie, Teodora Lorussof

 

In passato abbiamo validato la Procedura COMOVAL (Valutazione della Comorbidità), riferita alla  SCID I/P DSM III-R, attraverso uno studio meta-analitico (Perone R., Pecori D., 20021). Lo studio di validazione ci aveva permesso di affermare che la Procedura COMOVAL consentiva di migliorare la validità delle diagnosi formulate attraverso la SCID. Ci aveva offerto la possibilità di dimostrare l’importanza, ai fini diagnostici, della raccolta di alcune categorie di informazioni: (i) la Storia di Vita e i Dati Anamnestici del Paziente e (ii) i Dati Medici elaborati secondo un’Ottica Temporale. Aveva anche evidenziato l’importanza dell’applicazione della Dimensione Temporale ai dati raccolti (Perone R., Pecori D., 2002, pag 123).

Durante gli anni successivi abbiamo effettuato ulteriori perfezionamenti, giungendo gradualmente alla definizione della Procedura COMOVAL (Perone R., Pecori D., 20072) applicata alla SCID I/P DSM IV-TR Versione Ricerca -2002^ [strumento tradotto da R. Perone3 (vedi. www.scid4.org )]. Questo articolo si propone di riferire i risultati del lavoro di Validazione di quest’ultima Procedura, presentando prima una sintesi dei suoi principali contenuti.

E’ nostra intenzione adattare tale Procedura alla SCID-5-RV, rispettando i nuovi contenuti del DSM-54 e il proposito della DSM-5 Task Force: “Nonostante i problemi posti dalle diagnosi categoriali,la struttura organizzativa è stata pensata come un ponte verso nuovi approcci diagnostici, senza però sconvolgere l’attuale pratica clinica e la ricerca..… Una tale riformulazione degli obiettivi di ricerca dovrebbe anche mantenere il DSM-5 centrale nello sviluppo di approcci dimensionali alla diagnosi che nei prossimi anni andrà probabilmente a integrare o sostituire gli approcci categoriali correnti”. (DSM-5 Pag. 15)

 

Leggi l’articolo completo – Italiano

Read the full article – English

Lascia un commento